Advertising

Carrello  

prodotto (vuoto)
Advertising
Advertising

Prodotti in offerta

Advertising

PDF catalog

Kumquat (Fortunella Margarita)

vaso 22, h. cm. 60/80

Disponibile

30,80 € (Prezzi Iva inclusa)

Ultimi articoli in magazzino!

Aggiungi a lista dei desideri

Guida messa a dimora alberi da fruttaSchema piantagione alberi da fruttoPiantagione Piante da frutto
Scarica la nostra guida, ricca di consigli per la messa a dimora e gestione degli alberi da frutta!
Nota1: L'aspetto della pianta inviata potrebbe leggerrmente differire rispetto alla foto campione pubblicata, sia per la stagionalità (presenza/assenza di foglie), sia perchè nel mondo vegetale ogni esemplare è ovviamente unico.

Nota2: Rispetto a quanto descritto, l'effettiva epoca di maturazione di tutte le piante da frutto può anticipare o ritardare anche fino a due settimane, a seconda di vari fattori: Luogo, clima, esposizione, etc...

I kumquat, o mandarini cinesi, appartengono alla famiglia delle Rutacee ed al genere Fortunella. Sono piccoli alberi a lenta crescita, alti fino a 3-4 m, che possono assumere un portamento arbustivo, molto ramificati, con rami fitti e dotati di spine. Queste piante differiscono dalle specie appartenenti al genere Citrus dal fatto che durante l'inverno entra in un periodo di letargo in cui non mette più nuove gemme o germogli. Le foglie sono sempreverdi, lanceolate, lunghe 4-8 cm, cuoiose, di color verde scuro sulla pagina superiore e più pallide inferiormente. I fiori sono bianchi, piccoli, solitari all’ascella della foglia o riuniti in gruppi all’apice dei rami; la fioritura si verifica prevalentemente in estate. I frutti sono delle bacche molto piccole, dette anche esperidi, lunghe 3-4 cm e larghe 2-3 cm, di forma e colore variabile a seconda della specie (o varietà), dolci ed acidule; la buccia aderisce alla polpa contenente 3-5 semi, il frutto è completamente commestibile.

Clima e terreno
I kumquat preferiscono i climi temperati caldi, però, a differenza degli altri agrumi, sono in grado di adattarsi anche a climi temperati tendenzialmente freddi, questo perché, come l’arancio trifogliato, possiedono un’elevata resistenza al freddo, sopportando senza problemi temperature di – 10 °C.
Queste piante richiedono estati calde, con temperature ottimali comprese tra 25 e 38 °C per lo sviluppo vegetativo e riproduttivo. Le esposizioni in ambienti soleggiati sono ideali, però meglio se al riparo dai venti freddi e dalla grandine. I kumquat prediligono i terreni sciolti, di medio impasto, fertili e con un buon contenuto di sostanza organica. Questi arbusti sono originari della Cina, precisamente nella regione del the in cui il clima è troppo freddo per consentire la coltivazione dei Citrus, e del Giappone; sono coltivati prevalentemente in queste nazioni, in minor misura sono presenti anche in Grecia ed in Florida.

Tecniche di coltivazione
La forma di allevamento adottata è il globo a chioma piena, con le branche inserite sul fusto a 40-50 cm da terra. Questo sistema facilita le cure colturali come potatura e raccolta, protegge la pianta dall’elevata insolazione e dai venti forti, ostacola la crescita delle erbe infestanti intorno all’albero grazie all’ombreggiamento e favorisce una rapida entrata in produzione in quanto i kumquat non richiedono interventi di potatura. Nelle nostre zone può essere coltivato in vaso a scopo ornamentale. La concimazione si effettua ogni anno a fine inverno con del letame maturo, contenente le sostanze nutritive che vengono rilasciate gradualmente. Durante l’estate, in caso di siccità, bisogna intervenire con l’irrigazione. La raccolta è scalare in quanto i frutti maturano da fine novembre a febbraio, oltre al consumo diretto le bacche sono utilizzate per la preparazione di marmellate e canditi.

Clorosi ferrica
Nel caso di terreni calcarei la clorosi ferrica si può manifestare già a partire dalla ripresa vegetativa; le foglie appaiono ingiallite e nei casi peggiori cadono, le piante fioriscono poco ed i frutti possono cadere in anticipo. I piccoli alberi di mandarino cinese sono particolarmente soggetti al fenomeno della clorosi ferrica perché il portainnesto utilizzato è l’arancio trifogliato, che risulta molto suscettibile alla presenza di calcare nel terreno. Alla manifestazione iniziale dei sintomi bisogna intervenire con prodotti contenenti chelati di ferro e degli altri microelementi, che li rilasciano gradualmente in modo da permetterne il rapido assorbimento da parte della pianta.

Parassiti
I mandarini cinesi sono piante attaccate da alcuni parassiti, soprattutto dalle cocciniglie che provocano un disseccamento dei rametti e delle foglie, una cascola o deprezzamento dei frutti ed un generale deperimento della pianta. Per contrastare questi insetti vengono fatti monitoraggi e campionamenti, al superamento delle soglie di intervento si possono effettuare trattamenti chimici con gli oli bianchi, tenendo conto della presenza degli insetti utili.


Scheda tratta dal sito: http://www.giardinaggio.org/kumquat.asp

30 altri prodotti della stessa categoria:

Precedente
Successivo
Kumquat (Fortunella Margarita) http://www.vivaigabbianelli.it/613-large/kumquat-fortunella-margarita.jpg

I kumquat, o mandarini cinesi, appartengono alla famiglia delle Rutacee ed al genere Fortunella. Sono piccoli alberi a lenta crescita, alti fino a 3-4 m, che possono assumere un portamento arbustivo, molto ramificati, con rami fitti e dotati di spine. Queste piante differiscono dalle specie appartenenti al genere Citrus dal fatto che durante l'inverno entra in un periodo di letargo in cui non mette più nuove gemme o germogli. Le foglie sono sempreverdi, lanceolate, lunghe 4-8 cm, cuoiose, di color verde scuro sulla pagina superiore e più pallide inferiormente. I fiori sono bianchi, piccoli, solitari all’ascella della foglia o riuniti in gruppi all’apice dei rami; la fioritura si verifica prevalentemente in estate. I frutti sono delle bacche molto piccole, dette anche esperidi, lunghe 3-4 cm e larghe 2-3 cm, di forma e colore variabile a seconda della specie (o varietà), dolci ed acidule; la buccia aderisce alla polpa contenente 3-5 semi, il frutto è completamente commestibile.

Clima e terreno
I kumquat preferiscono i climi temperati caldi, però, a differenza degli altri agrumi, sono in grado di adattarsi anche a climi temperati tendenzialmente freddi, questo perché, come l’arancio trifogliato, possiedono un’elevata resistenza al freddo, sopportando senza problemi temperature di – 10 °C.
Queste piante richiedono estati calde, con temperature ottimali comprese tra 25 e 38 °C per lo sviluppo vegetativo e riproduttivo. Le esposizioni in ambienti soleggiati sono ideali, però meglio se al riparo dai venti freddi e dalla grandine. I kumquat prediligono i terreni sciolti, di medio impasto, fertili e con un buon contenuto di sostanza organica. Questi arbusti sono originari della Cina, precisamente nella regione del the in cui il clima è troppo freddo per consentire la coltivazione dei Citrus, e del Giappone; sono coltivati prevalentemente in queste nazioni, in minor misura sono presenti anche in Grecia ed in Florida.

Tecniche di coltivazione
La forma di allevamento adottata è il globo a chioma piena, con le branche inserite sul fusto a 40-50 cm da terra. Questo sistema facilita le cure colturali come potatura e raccolta, protegge la pianta dall’elevata insolazione e dai venti forti, ostacola la crescita delle erbe infestanti intorno all’albero grazie all’ombreggiamento e favorisce una rapida entrata in produzione in quanto i kumquat non richiedono interventi di potatura. Nelle nostre zone può essere coltivato in vaso a scopo ornamentale. La concimazione si effettua ogni anno a fine inverno con del letame maturo, contenente le sostanze nutritive che vengono rilasciate gradualmente. Durante l’estate, in caso di siccità, bisogna intervenire con l’irrigazione. La raccolta è scalare in quanto i frutti maturano da fine novembre a febbraio, oltre al consumo diretto le bacche sono utilizzate per la preparazione di marmellate e canditi.

Clorosi ferrica
Nel caso di terreni calcarei la clorosi ferrica si può manifestare già a partire dalla ripresa vegetativa; le foglie appaiono ingiallite e nei casi peggiori cadono, le piante fioriscono poco ed i frutti possono cadere in anticipo. I piccoli alberi di mandarino cinese sono particolarmente soggetti al fenomeno della clorosi ferrica perché il portainnesto utilizzato è l’arancio trifogliato, che risulta molto suscettibile alla presenza di calcare nel terreno. Alla manifestazione iniziale dei sintomi bisogna intervenire con prodotti contenenti chelati di ferro e degli altri microelementi, che li rilasciano gradualmente in modo da permetterne il rapido assorbimento da parte della pianta.

Parassiti
I mandarini cinesi sono piante attaccate da alcuni parassiti, soprattutto dalle cocciniglie che provocano un disseccamento dei rametti e delle foglie, una cascola o deprezzamento dei frutti ed un generale deperimento della pianta. Per contrastare questi insetti vengono fatti monitoraggi e campionamenti, al superamento delle soglie di intervento si possono effettuare trattamenti chimici con gli oli bianchi, tenendo conto della presenza degli insetti utili.


Scheda tratta dal sito: http://www.giardinaggio.org/kumquat.asp

agrumi 30.8 EUR new in_stock 4
Collegamenti consigliati:

- Ti servono dei consigli per la messa a dimora delle piante da frutto? Scarica la nostra guida in formato PDF
- Vuoi maggiori informazioni su prodotti, ordini e spedizioni? Leggi le FAQ con le risposte alle domande più frequenti
- Recensioni rilasciate dai nostri Clienti che già hanno acquistato i nostri prodotti
- Seguici mettendo "Mi piace" sulla nostra Pagina Facebook per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità e promozioni.