Advertising

Carrello  

prodotto (vuoto)
Advertising
Advertising

Prodotti in offerta

Advertising

PDF catalog

Pompelmo rosa (Citrus paradisi)

vaso 22, h. cm. 60/80

Disponibile

30,80 € (Prezzi Iva inclusa)

Ultimi articoli in magazzino!

Aggiungi a lista dei desideri

Guida messa a dimora alberi da fruttaSchema piantagione alberi da fruttoPiantagione Piante da frutto
Scarica la nostra guida, ricca di consigli per la messa a dimora e gestione degli alberi da frutta!
Nota1: L'aspetto della pianta inviata potrebbe leggerrmente differire rispetto alla foto campione pubblicata, sia per la stagionalità (presenza/assenza di foglie), sia perchè nel mondo vegetale ogni esemplare è ovviamente unico.

Nota2: Rispetto a quanto descritto, l'effettiva epoca di maturazione di tutte le piante da frutto può anticipare o ritardare anche fino a due settimane, a seconda di vari fattori: Luogo, clima, esposizione, etc...

E’ un probabile ibrido naturale tra il pummelo e l'arancio dolce, o forse una mutazione del pummelo.
Originario delle isole Barbados, nelle Antille, è l'unico agrume che non sia originario dell'Asia; fu introdotto nel bacino del Mediterraneo all'inizio del XIX secolo.
È conosciuto nei paesi di lingua inglese come “grapefruit”, forse perché i frutti sono prevalentemente riuniti in grappoli.
È una pianta vigorosa dai germogli glabri e foglie grandi, ovali, con apice arrotondato e picciolo alato.
I fiori sono grandi, di colore bianco, riuniti a grappoli o singoli.
Frutti grossi, globosi, lisci, di gusto amarognolo, con semi poliembrionici.

Il pompelmo appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie paradisi.
È un albero molto vigoroso in grado di superare i 15 m di altezza se cresce nelle condizioni ottimali, con chioma globosa; le radici sono fittonanti e si sviluppano in profondità.
Le foglie sono sempreverdi, lunghe fino a 15 cm, ovate, sottili, di color verde scuro, alate ai piccioli e spinescenti in posizione ascellare. I fiori sono bianchi, grandi, con un diametro di oltre 3 cm e generalmente riuniti in gruppi di 20 e più in infiorescenze all’ascella della foglia. I frutti sono bacche di grossa pezzatura, dette anche esperidi, riunite in grappoli (grapefruit), globose, con un diametro di 10-15 cm, con un epicarpo liscio, giallo, ricco di oli essenziali ed un mesocarpo, o albedo, bianco, membranoso, spugnoso, spesso e meno compatto di quello del limone; epicarpo e mesocarpo costituiscono la buccia. L’endocarpo è suddiviso in 11-14 spicchi delimitati da sottili pareti membranose contenenti la polpa, amarognola, e dei semi fortemente poliembrionici.

Clima e terreno
Il pompelmo, come tutti gli agrumi, preferisce i climi temperati caldi e subtropicali, teme i freddi invernali. Le oscillazioni termiche ottimali per lo sviluppo vegetativo e riproduttivo variano da 20 a 28 °C, mentre il riposo invernale comincia con temperature inferiori ai 7°C, i valori termici inferiori allo zero possono provocare danni gravi alla pianta. La coltivazione in luoghi assolati e caldi permette ai frutti di ricevere la luce del sole dalle 7 alle 8 ore al giorno, meglio se riparati dal vento, altrimenti bisogna costituire delle barriere frangivento. Il pompelmo predilige i terreni sciolti, di medio impasto, profondi, fertili, ben drenati e con un buon contenuto di sostanza organica, mentre rifugge quelli compatti e troppo calcarei, in quanto sensibile ai ristagni idrici ed al fenomeno della clorosi ferrica, i microelementi come il ferro vengono insolubilizzati dal calcare presente nel terreno. È una specie originaria delle Barbados, attualmente è coltivata in Florida, Sud Africa, Argentina ed Israele; nel nostro Paese è diffusa in Sicilia, Calabria, Campania e Liguria.

Tecniche di coltivazione
La messa a dimora si esegue durante l’inverno; le distanze d’impianto variano in base alla vigoria del portainnesto, nel caso dell’arancio amaro e del citrange i sesti sono di 6-6,5 X 4-4,5 m, mentre con l’arancio trifogliato sono di 5 X 4 m, con densità comprese tra 340 e 500 piante/ha. La messa a frutto comincia quarto anno di vita della pianta e raggiungono il massimo verso il 9°-10° anno.
La forma di allevamento adottata è il globo a chioma piena che facilita le cure colturali come potatura e raccolta, protegge la pianta dall’elevata insolazione e dai venti forti, ostacola la crescita delle erbe infestanti intorno all’albero grazie all’ombreggiamento e favorisce una rapida entrata in produzione in quanto necessita di poche operazioni di potatura in fase d’allevamento. Gli interventi di potatura, effettuati annualmente per attenuare l’alternanza di produzione, consistono nel diradare alcuni rami misti per favorire una miglior circolazione d’aria, i succhioni alla base delle branche principali, i rami secchi e deperiti.

Cure colturali
Il pompelmo necessita di frequenti concimazioni fogliari durante tutto il periodo di crescita, allo scopo di risolvere casi di carenze acute, momentanei deperimenti e il blocco della assimilazione dal suolo a causa di temperature eccessive. In estate nei climi poco piovosi bisogna intervenire con l’irrigazione. La maturazione avviene da gennaio a marzo, però gli esperidi apireni possono essere raccolti anche in un secondo momento mantenendo inalterate le caratteristiche qualitative. Il pompelmo è soggetto ad attacchi di parassiti, il più pericoloso è il fungo che provoca il cancro gommoso, infatti colpisce branche e tronco provocando la morte della pianta.


Scheda tratta dal sito: http://www.giardinaggio.org/pompelmo.asp

30 altri prodotti della stessa categoria:

Precedente
Successivo
Pompelmo rosa (Citrus paradisi) http://www.vivaigabbianelli.it/1924-large/pompelmo-rosa-citrus-paradisi.jpg

E’ un probabile ibrido naturale tra il pummelo e l'arancio dolce, o forse una mutazione del pummelo.
Originario delle isole Barbados, nelle Antille, è l'unico agrume che non sia originario dell'Asia; fu introdotto nel bacino del Mediterraneo all'inizio del XIX secolo.
È conosciuto nei paesi di lingua inglese come “grapefruit”, forse perché i frutti sono prevalentemente riuniti in grappoli.
È una pianta vigorosa dai germogli glabri e foglie grandi, ovali, con apice arrotondato e picciolo alato.
I fiori sono grandi, di colore bianco, riuniti a grappoli o singoli.
Frutti grossi, globosi, lisci, di gusto amarognolo, con semi poliembrionici.

Il pompelmo appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie paradisi.
È un albero molto vigoroso in grado di superare i 15 m di altezza se cresce nelle condizioni ottimali, con chioma globosa; le radici sono fittonanti e si sviluppano in profondità.
Le foglie sono sempreverdi, lunghe fino a 15 cm, ovate, sottili, di color verde scuro, alate ai piccioli e spinescenti in posizione ascellare. I fiori sono bianchi, grandi, con un diametro di oltre 3 cm e generalmente riuniti in gruppi di 20 e più in infiorescenze all’ascella della foglia. I frutti sono bacche di grossa pezzatura, dette anche esperidi, riunite in grappoli (grapefruit), globose, con un diametro di 10-15 cm, con un epicarpo liscio, giallo, ricco di oli essenziali ed un mesocarpo, o albedo, bianco, membranoso, spugnoso, spesso e meno compatto di quello del limone; epicarpo e mesocarpo costituiscono la buccia. L’endocarpo è suddiviso in 11-14 spicchi delimitati da sottili pareti membranose contenenti la polpa, amarognola, e dei semi fortemente poliembrionici.

Clima e terreno
Il pompelmo, come tutti gli agrumi, preferisce i climi temperati caldi e subtropicali, teme i freddi invernali. Le oscillazioni termiche ottimali per lo sviluppo vegetativo e riproduttivo variano da 20 a 28 °C, mentre il riposo invernale comincia con temperature inferiori ai 7°C, i valori termici inferiori allo zero possono provocare danni gravi alla pianta. La coltivazione in luoghi assolati e caldi permette ai frutti di ricevere la luce del sole dalle 7 alle 8 ore al giorno, meglio se riparati dal vento, altrimenti bisogna costituire delle barriere frangivento. Il pompelmo predilige i terreni sciolti, di medio impasto, profondi, fertili, ben drenati e con un buon contenuto di sostanza organica, mentre rifugge quelli compatti e troppo calcarei, in quanto sensibile ai ristagni idrici ed al fenomeno della clorosi ferrica, i microelementi come il ferro vengono insolubilizzati dal calcare presente nel terreno. È una specie originaria delle Barbados, attualmente è coltivata in Florida, Sud Africa, Argentina ed Israele; nel nostro Paese è diffusa in Sicilia, Calabria, Campania e Liguria.

Tecniche di coltivazione
La messa a dimora si esegue durante l’inverno; le distanze d’impianto variano in base alla vigoria del portainnesto, nel caso dell’arancio amaro e del citrange i sesti sono di 6-6,5 X 4-4,5 m, mentre con l’arancio trifogliato sono di 5 X 4 m, con densità comprese tra 340 e 500 piante/ha. La messa a frutto comincia quarto anno di vita della pianta e raggiungono il massimo verso il 9°-10° anno.
La forma di allevamento adottata è il globo a chioma piena che facilita le cure colturali come potatura e raccolta, protegge la pianta dall’elevata insolazione e dai venti forti, ostacola la crescita delle erbe infestanti intorno all’albero grazie all’ombreggiamento e favorisce una rapida entrata in produzione in quanto necessita di poche operazioni di potatura in fase d’allevamento. Gli interventi di potatura, effettuati annualmente per attenuare l’alternanza di produzione, consistono nel diradare alcuni rami misti per favorire una miglior circolazione d’aria, i succhioni alla base delle branche principali, i rami secchi e deperiti.

Cure colturali
Il pompelmo necessita di frequenti concimazioni fogliari durante tutto il periodo di crescita, allo scopo di risolvere casi di carenze acute, momentanei deperimenti e il blocco della assimilazione dal suolo a causa di temperature eccessive. In estate nei climi poco piovosi bisogna intervenire con l’irrigazione. La maturazione avviene da gennaio a marzo, però gli esperidi apireni possono essere raccolti anche in un secondo momento mantenendo inalterate le caratteristiche qualitative. Il pompelmo è soggetto ad attacchi di parassiti, il più pericoloso è il fungo che provoca il cancro gommoso, infatti colpisce branche e tronco provocando la morte della pianta.


Scheda tratta dal sito: http://www.giardinaggio.org/pompelmo.asp

agrumi 30.8 EUR new in_stock 1
Collegamenti consigliati:

- Ti servono dei consigli per la messa a dimora delle piante da frutto? Scarica la nostra guida in formato PDF
- Vuoi maggiori informazioni su prodotti, ordini e spedizioni? Leggi le FAQ con le risposte alle domande più frequenti
- Recensioni rilasciate dai nostri Clienti che già hanno acquistato i nostri prodotti
- Seguici mettendo "Mi piace" sulla nostra Pagina Facebook per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità e promozioni.