Advertising

Carrello  

prodotto (vuoto)
Advertising
Advertising

Prodotti in offerta

Advertising

Consigli manutenzione alberi ornamentali

Consigli su alberi ornamentali Vivai Piante GabbianelliAnnaffiatura
Alberi: Considerata la mole e l’età di tali piante, è necessario annaffiare con volumi di acqua anche fino a 50 litri, avendo cura che essa penetri nel terreno vicino alla pianta e che non si disperda. Annaffiare dalla ripresa vegetativa fino all’autunno per i primi 2 anni dalla messa a dimora con frequenza variabile in funzione dell’andamento stagionale.
Arbusti e siepi: Durante tutta la prima stagione vegetativa, le piante appena messe a dimora necessitano di irrigazioni ripetute; meglio una bagnatura abbondante (5-10 litri) ogni 4-5 giorni in modo da far penetrare l’acqua in profondità piuttosto che un’annaffiatura superficiale ogni due giorni. Negli anni seguenti la frequenza di annaffiatura va regolata sulla base delle condizioni climatiche e della natura del terreno.
Nota: Se il terreno è in pendenza sarà necessario scavare una trincea a monte della pianta e proporzionale alla stessa, in modo da formare una piccola conca di raccolta dell’acqua che altrimenti scorrerebbe via.

 

Concimazione
La concimazione ottimale è quella che prevede l’utilizzo di concime organico in quanto migliora le caratteristiche fisico-chimiche del terreno, lo scambio gassoso, trattiene l’umidità, migliora la colorazione di foglie e fiori oltre a persistere nel terreno parecchi mesi. Per favorire uno sviluppo più veloce della pianta si può integrare la concimazione organica con l’aggiunta di concimi minerali azotati.

 

Zappatura
Almeno per i primi anni dopo l’impianto è necessario zappare periodicamente intorno alla pianta; in questo modo oltre ad eliminare le malerbe presenti che potrebbero entrare in competizione con le radici dell’albero, si facilita anche la penetrazione dell’acqua nel suolo.
Un’alternativa pratica ed economica alla zappatura è realizzare intorno alla pianta uno strato di pacciamatura con corteccia di pino. Tale soluzione apporta numerosi vantaggi: elimina l’impiego di manodopera, riduce la crescita delle malerbe, diminuisce l’evaporazione dell’acqua nel periodo estivo e protegge le radici dal gelo durante l’inverno.

 

Potatura
La potatura agli alberi nei primi anni consiste solamente nell’eliminazione dei rami morti o spezzati e l’eventuale accorciamento di quelli scomposti o troppo bassi.
La potatura degli arbusti nei primi anni è finalizzata a renderli più fitti e rigogliosi; è quindi consigliato tagliare a circa 2/3 dell’altezza una volta all’anno ed accorciare quei rami che risultano scomposti. La potatura negli anni futuri va proseguita ma può essere ridotta ad una volta ogni due anni.