Advertising

Carrello  

prodotto (vuoto)
Advertising
Advertising

Prodotti in offerta

Advertising

Consigli manutenzione piante da vaso

Consigli su piante da vaso Vivai Piante GabbianelliInvasatura
Per la buona riuscita delle piante coltivate in vaso è fondamentale l’impiego di un buon terriccio che garantisca un lungo mantenimento delle stesse.
Altresì importante è il drenaggio: una volta accertato che il vaso sia provvisto di fori e che non siano ostruiti, stendere sul fondo uno strato di 3/5 cm. di argilla espansa, collocare la pianta, riempire con il terriccio ed infine annaffiare abbondantemente.

 

Annaffiatura
Il ridotto volume di terriccio a disposizione delle radici costringe ad intervenire con frequenti irrigazioni. In particolari esposizioni (ventose, soleggiate, vicino ai muri) e con temperature molto alte è necessario annaffiare anche tutti i giorni; per sapere se la pianta ha bisogno di acqua tastare il terreno in profondità, se è asciutto procedere.

 

Concimazione
Per la concimazione preferire i concimi chimici a lenta cessione che apportano gli elementi nutritivi gradualmente e per un periodo di tempo più lungo; se somministrati quindi ad inizio stagione vegetativa, garantiscono un apporto nutritivo fino all’autunno. Nel caso che sulla pianta si manifesti una crescita stentata o carenze nutrizionali, per ottenere un effetto immediato impiegare dei concimi minerali azotati a pronto effetto o eseguire una fertirrigazione con appositi concimi idrosolubili.

 

Riparo invernale
Con l’arrivo dell’inverno le piante in vaso più sensibili alle basse temperature come gli agrumi, Bounganvillea, Gelsomino ecc. vanno protette; una piccola serra in plastica è la migliore soluzione oppure si possono impiegare teli di materiale plastico trasparente o teli di “tessuto non tessuto”. Questi non dovranno essere troppo aderenti al fogliame ed essere aperti nella parte superiore in modo da far passare l’aria e le precipitazioni meteorologiche. Consigliamo infine di effettuare anche una pacciamatura con corteccia di pino o foglie secche per proteggere l’apparato radicale dal gelo.