Advertising

Carrello  

prodotto (vuoto)
Advertising
Advertising

Prodotti in offerta

Advertising

PDF catalog

Pero Fiorentina

Maturazione 20 novembre. Albero di 3 anni, vaso cm. 22, h.cm. 150/170.

Disponibile

17,60 € (Prezzi Iva inclusa)

Ultimi articoli in magazzino!

Aggiungi a lista dei desideri

Guida messa a dimora alberi da fruttaSchema piantagione alberi da fruttoPiantagione Piante da frutto
Scarica la nostra guida, ricca di consigli per la messa a dimora e gestione degli alberi da frutta!
Nota: L'aspetto della pianta inviata potrebbe leggerrmente differire rispetto alla foto campione pubblicata, sia per la stagionalità (presenza/assenza di foglie), sia perchè nel mondo vegetale ogni esemplare è ovviamente unico.

La pianta madre è stata rinvenuta nelle montagne di Pietralunga (PG) Veniva coltivata nelle zone di alta collina di queste zone, e anche nelle vicine Marche, in piante singole ed era molto conosciuta nelle nostre vallate. Deve il suo nome alla probabile provenienza toscana.
La pianta è molto vigorosa, rustica e a portamento quasi assurgente. E’ molto produttiva e fiorisce tardivamente.
Il frutto è di medio-piccola pezzatura, questa pera ha una bella forma sferoidale, con il peduncolo corto e mediamente spesso. La cavità calicina è quasi inesistente. La buccia, molto spessa, non liscia, con colore di base verde brillante con un lieve arrossamento dalla parte del sole. Numerose lenticelle piccole, scure e leggermente in rilievo. La polpa è bianca e poco succosa, con media granulosità. Viene raccolta in novembre, dopo le prime brinate, può essere lasciata in fruttaio in mezzo alla paglia per la maturazione. Durante questo periodo il colore della buccia vira verso il giallo e il frutto aumenta di succosità. Si conserva comunque a lungo.
E’ un frutto molto rustico, per un consumo particolare, soprattutto da cottura e da conserva. Si può mangiare crudo solo dopo un periodo di maturazione in fruttaio.

Pero Fiorentina http://www.vivaigabbianelli.it/1092-large/pero-fiorentina.jpg

La pianta madre è stata rinvenuta nelle montagne di Pietralunga (PG) Veniva coltivata nelle zone di alta collina di queste zone, e anche nelle vicine Marche, in piante singole ed era molto conosciuta nelle nostre vallate. Deve il suo nome alla probabile provenienza toscana.
La pianta è molto vigorosa, rustica e a portamento quasi assurgente. E’ molto produttiva e fiorisce tardivamente.
Il frutto è di medio-piccola pezzatura, questa pera ha una bella forma sferoidale, con il peduncolo corto e mediamente spesso. La cavità calicina è quasi inesistente. La buccia, molto spessa, non liscia, con colore di base verde brillante con un lieve arrossamento dalla parte del sole. Numerose lenticelle piccole, scure e leggermente in rilievo. La polpa è bianca e poco succosa, con media granulosità. Viene raccolta in novembre, dopo le prime brinate, può essere lasciata in fruttaio in mezzo alla paglia per la maturazione. Durante questo periodo il colore della buccia vira verso il giallo e il frutto aumenta di succosità. Si conserva comunque a lungo.
E’ un frutto molto rustico, per un consumo particolare, soprattutto da cottura e da conserva. Si può mangiare crudo solo dopo un periodo di maturazione in fruttaio.

peri 17.6 EUR new in_stock 2
Collegamenti consigliati:

- Ti servono dei consigli per la messa a dimora delle piante da frutto? Scarica la nostra guida in formato PDF
- Vuoi maggiori informazioni su prodotti, ordini e spedizioni? Leggi le FAQ con le risposte alle domande più frequenti
- Recensioni rilasciate dai nostri Clienti che già hanno acquistato i nostri prodotti
- Seguici mettendo "Mi piace" sulla nostra Pagina Facebook per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità e promozioni.