Advertising

Carrello  

prodotto (vuoto)
Advertising
Advertising

Prodotti in offerta

Advertising

PDF catalog

Eugenia myrtifolia

Vaso 16, h. cm. 30/40

Disponibile

19,80 € (Prezzi Iva inclusa)

Ultimi articoli in magazzino!

Aggiungi a lista dei desideri

Guida messa a dimora alberi da fruttaSchema piantagione alberi da fruttoPiantagione Piante da frutto
Scarica la nostra guida, ricca di consigli per la messa a dimora e gestione degli alberi da frutta!
Nota: L'aspetto della pianta inviata potrebbe leggerrmente differire rispetto alla foto campione pubblicata, sia per la stagionalità (presenza/assenza di foglie), sia perchè nel mondo vegetale ogni esemplare è ovviamente unico.

L’Eugenia myrtifolia appartiene alla famiglia delle Mirtacee (come il mirto comune che cresce spontaneo in Sardegna). Specie originaria dell'Australia ma poco diffusa in coltivazione in Italia, sebbene sia tra le poche piante sempreverdi ad avere una fioritura spettacolare e frutti eduli.

Pianta sempreverde, a portamento cespuglioso o arboreo, con chioma molto densa ed arrotondata che può raggiungere anche i 5 metri di altezza ed i 2 metri di larghezza.

Le foglie sono ovali, coriacee ed appuntite, di colore verde intenso, molto simili a quelle del mirto e in autunno assumono una colorazione rosso-biancastra.

In tarda primavera (o ad inizio estate a seconda del luogo di coltivazione) produce dei piccoli fiori riuniti in pannocchie all'apice dei rami, molto particolari per l'intenso colore viola dei boccioli e per i numerosi stami bianchi.

I piccoli frutti violacei, di circa 2 centimetri di diametro, hanno una polpa acidula con retrogusto di chiodo di garofano ed un solo seme al centro.

L’Eugenia myrtifolia si può utilizzare come pianta singola, ma è utilizzata prevalentemente per creare siepi, anche perché tollera molto bene le potature. E’ adatta anche a realizzare forme topiarie.

Abbastanza rustica, può resistere fino a temperature di –5 °C, purché venga collocata in posizione soleggiata e protetta dai venti freddi. In alternativa si può coltivare in un vaso grande per essere poi messa al riparo durante i mesi invernali

Ama le posizioni luminose, ma non un eccesso di raggi solari diretti: necessita solo di alcune ore al giorno di sole.

Cresce bene in terreno fertile, leggero, ben drenato.

In estate può abbisognare di irrigazioni di soccorso, su terra ben asciutta. Questa pianta non ama l’umidità eccessiva, quindi se il terreno rimane a lungo umido, le annaffiature vanno diradate, ciò è valido soprattutto nei mesi autunnali.

Per la concimazione si può intervenire in autunno ed in primavera con un prodotto organico lenta cessione, tipo concime stallatico.

Eugenia myrtifolia http://www.vivaigabbianelli.it/2174-large/eugenia-myrtifolia.jpg

L’Eugenia myrtifolia appartiene alla famiglia delle Mirtacee (come il mirto comune che cresce spontaneo in Sardegna). Specie originaria dell'Australia ma poco diffusa in coltivazione in Italia, sebbene sia tra le poche piante sempreverdi ad avere una fioritura spettacolare e frutti eduli.

Pianta sempreverde, a portamento cespuglioso o arboreo, con chioma molto densa ed arrotondata che può raggiungere anche i 5 metri di altezza ed i 2 metri di larghezza.

Le foglie sono ovali, coriacee ed appuntite, di colore verde intenso, molto simili a quelle del mirto e in autunno assumono una colorazione rosso-biancastra.

In tarda primavera (o ad inizio estate a seconda del luogo di coltivazione) produce dei piccoli fiori riuniti in pannocchie all'apice dei rami, molto particolari per l'intenso colore viola dei boccioli e per i numerosi stami bianchi.

I piccoli frutti violacei, di circa 2 centimetri di diametro, hanno una polpa acidula con retrogusto di chiodo di garofano ed un solo seme al centro.

L’Eugenia myrtifolia si può utilizzare come pianta singola, ma è utilizzata prevalentemente per creare siepi, anche perché tollera molto bene le potature. E’ adatta anche a realizzare forme topiarie.

Abbastanza rustica, può resistere fino a temperature di –5 °C, purché venga collocata in posizione soleggiata e protetta dai venti freddi. In alternativa si può coltivare in un vaso grande per essere poi messa al riparo durante i mesi invernali

Ama le posizioni luminose, ma non un eccesso di raggi solari diretti: necessita solo di alcune ore al giorno di sole.

Cresce bene in terreno fertile, leggero, ben drenato.

In estate può abbisognare di irrigazioni di soccorso, su terra ben asciutta. Questa pianta non ama l’umidità eccessiva, quindi se il terreno rimane a lungo umido, le annaffiature vanno diradate, ciò è valido soprattutto nei mesi autunnali.

Per la concimazione si può intervenire in autunno ed in primavera con un prodotto organico lenta cessione, tipo concime stallatico.

frutti-tropicali 19.8 EUR new in_stock 4
Collegamenti consigliati:

- Ti servono dei consigli per la messa a dimora delle piante da frutto? Scarica la nostra guida in formato PDF
- Vuoi maggiori informazioni su prodotti, ordini e spedizioni? Leggi le FAQ con le risposte alle domande più frequenti
- Recensioni rilasciate dai nostri Clienti che già hanno acquistato i nostri prodotti
- Seguici mettendo "Mi piace" sulla nostra Pagina Facebook per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità e promozioni.